Burger King chiude. Il Gruppo Greco non pagava i dipendenti

burger

Chiude i battenti il punto ristorazione di Burger King, inaugurato all’ombra della torre nell’estate del 2013. In dicembre i dipendenti del fast food della nota catena americana avevano inscenato una protesta il largo Cocco Griffi. Da mesi le dipendenti non riscuotevano lo stipendio e avevano altre spettanze in sospeso da parte del Gruppo Greco, gestore del punto e attivo su diversi altri appalti multiservizi come quello della gestione del parcheggio di via Pietrasantina. Dove spesso ricorrono situazioni di ritardo nei pagamenti o di fallimenti sospetti.

La protesta di dicembre scoperchiò il vaso di Pandora e i responsabili del Gruppo fecero una serrata prelevando dagli uffici tutti i registri contabili. Ufficialmente oggi il punto vendita Burger King del duomo chiude licenziando tutti e 13 i dipendenti a tempo indeterminato a causa di una cessione di un ramo d’azienda che ha liberalizzato la cessione delle licenze da parte della casa madre e saturando così il mercato. Restano le truffe del Gruppo Greco ai danni dei giovani lavoratori e lavoratrici del Burger King.

Share