Contestata la ministra Fedeli. Scontri tra studenti e polizia

WhatsApp Image 2017-12-01 at 16.08.42

E’ iniziata presto la giornata di protesta per la visita della ministra dell’istruzione Fedeli e del presidente della repubblica Mattarella alla scuola superiore Sant’Anna. Una cinquantina di studenti del vicino liceo artistico Russoli dalle 7.30 hanno bloccato con un picchetto l’accesso della loro scuola per poi dirigersi verso l’università d’eccellenza blindata da decine di blindati di polizia e carabinieri.

Gli studenti, motivati dalla recente manifestazione della scorsa settimana in cui bloccarono il fast-food Mc Donald contro l’alternanza scuola-lavoro promosso proprio dalla ministra Fedeli, hanno provato più volte ad aggirare i blocchi della celere per raggiungerla. Tutti i vari tentativi di oltrepassare la polizia, che puntualmente ha iniziato a manganellare i giovani giunti a contestarla, sono avvenuti intorno a piazza Santa Caterina in diverse strade parallele.

Senza farsi intimorire, gli studenti a più riprese hanno cercato di passare e nonostante le minacce delle forze dell’ordine nessuno dei presenti si è tirato indietro. La voglia di gridare in faccia ai responsabili del loro sfruttamento è stata più forte delle botte date della polizia.

Dopo le ripetute cariche, gli studenti hanno fatto ritorno al liceo artistico dove, dentro al cortile, hanno fatto scendere dalle aule chi non aveva partecipato al corteo e dall’inizio della ricreazione, si sono riunti in assemblea rilanciando sulle lotte nella propria scuola.

In piazza anche i precari della ricerca del CNR di Pisa, in lotta da mesi per essere stabilizzati attraverso erogazione di fondi specifici tramite la legge di stabilità. Il presidente Mattarella però non li ha ricevuti e quindi continueranno a mobilitarsi ancora.