La Lega ci riprova al CEP: cacciati di nuovo

ceppe

Non c’è spazio per i leghisti nel quartiere CEP. A una settimana di distanza dalla contestazione che mise in fuga un manipolo di seguaci di Salvini dal quartiere, anche oggi, dimezzati nei numeri e scortati dal doppio della polizia, i leghisti si sono ripresentati al piazzale della Conad con la petizione contro i profughi. La risposta dei residenti non si è fatta attendere: in meno di 20 minuti sono stati subito respinti dagli abitanti e circondati da decine di persone costringendoli a rinunciare alla provocazione.

La risposta di oggi, ancor più corale e partecipata, rappresenta una preziosa conferma: al CEP non sono accettate le provocazioni di chi fomenta la guerra tra poveri e ostacola così le lotte quotidiane di un quartiere determinato a resistere alle ingiustizie. Persone di tutte le età si sono unite alla contestazione. Da finestre e balconi tante le urla di scherno all’indirizzo dei leghisti. Dopo la cacciata un volantinaggio informativo ha comunicato al resto del quartiere l’accaduto.

Abbiamo raccolto l’opinione di un abitante del CEP

Share