Verso l’otto marzo: Non Una Di Meno riprende spazio in città

1ris

Questa mattina, nella giornata di lancio dello sciopero globale transfemminista dell’otto marzo, a Pisa, Non Una di Meno ha costruito una bacheca di lotta nel pieno centro della città. Proprietà di un palazzinaro, responsabile di centinaia di edifici vuoti di Pisa, in una delle strade più attraversate del centro, lo stabile in via san Martino ha visto infatti oggi con Non Una di Meno una nuova vita (almeno dall’esterno). Le vetrine di questo edificio in disuso da decenni, abbandonato al degrado, sono state prima pulite e poi risignificate, 5diventando cassa di risonanza dei contenuti e delle rivendicazioni del movimento femminista e trans femminista cittadino.  Ogni vetrina è diventata una bacheca tematica. Lavoro, educazione, salute e violenza.  I principali ambiti di lotta di non una di meno sono stati così rappresentati e comunicati attraverso infografiche, slides, fotografie e decorazioni in prospettiva della giornata di sciopero dell’otto.
Per questa giornata sono state già annunciate mobilitazioni sin dalla mattina e fissati due appuntamenti pomeridiani: alle 15.00 in via Betti (davanti al liceo Buonarroti) ritrovo per la critica mass che in bicicletta attraverserà la città e alle ore 17.00 in P.zza XX settembre (davanti al comune) il presidio.

Qui di seguito il video della diretta di questa mattina
https://fb.watch/3UKZlfKHFG/

E il comunicato della rete nazionale di Non Una di Meno

Essenziali sono le nostre vite, essenziale è il nostro sciopero!
Non Una Di Meno lancia lo sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo

L’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista: sciopero generale della produzione e della riproduzione, del consumo, dai ruoli sociali imposti dai generi. La sfida di uno sciopero generale transnazionale nell’emergenza è ardua quanto urgente.

Diversi sindacati di base hanno già accolto l’appello di Non Una Di Meno e hanno proclamato lo sciopero generale di 24 ore. Sul blog di Non Una Di meno sarà reperibile un Vademecum dove reperire informazioni su come fare per scioperare. L’8 marzo interromperemo ogni tipo di lavoro, senza distinzioni di categoria e di contratto, lo scioperò coinvolgerà anche le figure non riconosciute del lavoro, chi con la pandemia ha perso ogni forma di reddito e le persone migranti che con il lavoro rischiano di perdere anche i documenti di soggiorno. Attraverserà lo spazio pubblico e i luoghi di lavoro ma anche la rete con pratiche di sciopero della connessione, connetterà chi cura e chi è curato per un sistema sanitario pubblico, diffuso e territoriale, le studenti e le insegnanti per portare la scuola fuori dall’emergenza, anche culturale, dando vita a “zone fuxia” nell’italia segnata dai colori dell’emergenza.

Il 26 febbraio in molte città (Bologna, Reggio Emilia, Pisa, Torino, Livorno, Roma, Pavia…) partirà il countdown con azioni e conferenze stampa per presentare le iniziative della giornata dell’8 marzo dislocate nel paese.

La crisi sanitaria, sociale e economica ha colpito e colpirà ancora una volta il lavoro femminile, migrante, non tutelato, precario, gratuito. La gestione dell’emergenza ha fatto leva sull’assenza completa della tutela della4 salute in particolare nei settori essenziali; sull’intensificarsi di forme di lavoro a distanza non normato e sul sovrapporsi del lavoro produttivo e di cura nello spazio domestico, più che mai luogo di violenza per le donne e le soggettività lgbtqia+. I centri anti-violenza si sono trovati a gestire un’emergenza nell’emergenza, i numeri dei femminicidi delle ultime settimane lo testimoniano e impongono misure urgenti e strutturali.

I dati Istat mostrano come il crollo dell’occupazione riguardi soprattutto le donne (a dicembre 2020, 99mila posti di lavoro persi su 101mila sono di donne). L’8 marzo ci troveremo alla vigilia dello sblocco dei licenziamenti e nel pieno della definizione del Recovery Plan. I 209 miliardi per la “ricostruzione” arriveranno in Italia, ma sul loro impiego lo scontro è aperto. La gestione dei fondi europei ha determinato la caduta del governo Conte bis e l’insediamento del governo Draghi. Le politiche di inclusione di genere sono uno dei punti chiave del programma di rilancio e resilienza. Ma al di là di ogni falsa retorica sull’inclusione lavorativa e sulle politiche di conciliazione vita-lavoro, sono e saranno le donne, le migranti e le soggettività lgbtqia+ a pagare il prezzo più alto.

Alla prospettiva di un piano di ricostruzione patriarcale e confindustriale, vogliamo opporre un piano femminista di trasformazione sociale: un salario minimo europeo e reddito di autodeterminazione, socializzazione della cura, welfare universale e non familistico, un permesso di soggiorno europeo non condizionato al lavoro e alla famiglia, diritto alla salute e all’autodeterminazione, priorità della salute ecosistemica rispetto ai profitti.

Essenziali sono le nostre vite, essenziale è il nostro sciopero!

 

Share