Martedì 14 maggio: presidio per la verità sugli abusi alla Stella Maris

Martedì 14 maggio alle ore 11 presso il tribunale di Pisa, in concomitanza con una nuova udienza del procedimento penale in corso da alcuni anni, si terrà il presidio per la verità sugli abusi alla Stella Maris e in solidarietà alle vittime dei maltrattamenti.

Di seguito riportiamo il comunicato del Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud:

“Il 14 maggio 2024 alle ore 11 saremo ancora una volta davanti al Tribunale di Pisa dove si terrà una
nuova udienza per i maltrattamenti avvenuti nella struttura di Montalto di Fauglia destinata ad ospitare persone autistiche, gestita dalla Fondazione STELLA MARIS. In questa ulteriore udienza dovrebbero venire ascoltati i testimoni della difesa.
Nell’estate del 2016, in seguito alla denuncia dei genitori di un giovane ospite, la struttura è stata
posta sotto controllo con l’installazione di microcamere e, dopo tre mesi di intercettazioni, la Procura di Pisa, dopo aver accumulato prove evidenti, ha configurato l’ipotesi di reato per maltrattamenti.
Tra gli ospiti della residenza, ricordiamo Mattia, morto successivamente nel 2018 per soffocamento,
in seguito al blocco della glottide dovuto molto probabilmente al prolungato e eccessivo uso di psicofarmaci. I continui cambi di terapia avevano comportato disfunzionalità e rischi al momento dei
pasti di cui la famiglia afferma di non essere mai stata informata. Per questa vicenda è in corso un
altro procedimento penale, il processo in primo grado si è chiuso con nessuna responsabilità da parte dei medici e della struttura.
Il processo per maltrattamenti sta andando avanti da più di 6 anni con estrema lentezza: le udienze
sono troppo diradate se si considera l’elevatissimo numero di persone invitate a testimoniare. Si
tratta, infatti, del più grande processo sulla disabilità in Italia. Nel periodo della pandemia (caso unico nella storia della giustizia pisana) è stato ospitato nel Palazzo dei Congressi di Pisa.
Al momento gli imputati sono 15, tra essi le due dottoresse che gestivano la struttura e il Direttore
Sanitario della Stella Maris. Due imputati sono usciti di scena: un operatore che ha patteggiato la
pena e il Direttore generale Roberto Cutajar che, avendo scelto il rito abbreviato, è stato dapprima
condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione, poi è stato assolto nel processo d’appello.
I genitori e i tutori e altri testimoni già ascoltati hanno riportato le violenze subite dai ragazzi di
Montalto e documentate dalle videoregistrazioni che testimoniano più di 280 episodi di violenza in
meno di quattro mesi, una violenza – quindi – non episodica ma strutturale. Durante l’ultima udienza
una delle dottoresse ha dichiarato che a Montalto di Fauglia venivano usati, in caso di crisi degli
ospiti, i cosiddetti “tappeti contenitivi”. Il tappeto contenitivo funziona in un modo semplice: il paziente viene immobilizzato, contenuto e arrotolato nel tappeto.
Come ha scritto nella sua relazione il consulente tecnico, professor Alfredo Verde, chiamato a relazionare sui fatti avvenuti: « Leggendo gli atti del presente procedimento abbiamo rinvenuto sicuramente la menzione di una lunga tradizione di abuso e violenza da parte degli operatori, radicata negli anni, e in parte tollerata, in parte ignorata della direzione delle strutture”. Ed ancora: “In queste situazioni si sviluppano degenerazioni in cui la violenza e la sopraffazione divengono gli strumenti usati ogni giorno, e l’istituzione perde le sue caratteristiche terapeutiche per divenire un luogo meramente coercitivo e afflittivo. Il comportamento degli operatori è apparso tipico delle istituzioni totali » . Per questi motivi, e per ricordare tutte le vittime degli abusi psichiatrici che ancora oggi vengono perpetrati ai danni di persone private della libertà personale e non in grado di difendersi da
sole, riteniamo doveroso seguire con attenzione le vicende di questo processo nell’interesse di tutte/
i. Invitiamo a partecipare al PRESIDIO in SOLIDARIETA’ alle VITTIME dei MALTRATTAMENTI MARTEDI’ 14 MAGGIO ORE 11 presso il Tribunale di Pisa in Piazza della Repubblica
Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
Comitato Sanità Pubblica Versilia-Massa Carrara
Coordinamento Regionale Toscano Salute Ambiente Sanità

Share